"SCENE DI VITA CONTADINA" 2

plastico policromato, cm 34 x 40 x 21
plastico policromato, cm 34 x 40 x 21

“Scanaffojà”

 

   El cuntadi’ […] purtava cu’l biroccio tutti j scartozzi nte l’ara ’vanti casa; li disponeva ’n gir’in giro, a quadrato; […] e po’ dietro a j mucchi ce metteva sedie, ce sistemava pezzi de legni ’ppuggiati su file de mado’, ce ’ccummudava cassette de l’uva; […] e da ultimo faceva sape’ al vicinato che “stasera se scanaffoja” […].

   E tutto el vicinato […] la sera – tra lum’e scuro - ’ndava a scanaffoja’, a leva’ la camigia al granturco, a levaje le foje, ’nsomma, che lu ricupriva […].

E se cantava. Se cantava fina che c’era fiato ’n gola: “qu’l mazzolin de fiori… la viuletta la va la va… è ’riva’, bum, è ’rivata ’na bella biundina… el 29 lujo quann’el grano è maturato…”.

(da ’Ndamo a scanaffoja’. Mumenti de vita luretana, di Augusto Castellani, 1981)

plastico policromato, cm 40 x 47 x 23.
plastico policromato, cm 40 x 47 x 23.

Il Mulino

 

   El gra’ del padro’ è pesato a peso d’oro, cu’la belancetta de l’ureffice: nte j sacchi de lu’, un acino ch’è un acino de più nun ce n’è e, se c’è, je se ne leva via ’na bella sessulata, pe’ ristabili’ el peso giusto che, pe’ esse giusto, quello del padro’, dev’esse sempre un po’ scarzetto…

   J sacchi de parte colonica, ’nvece, ’gna falli un po’ grassetti, cun qualche chiletto in più, perché po’ tocca’ a lu’, al cuntadi’, a sudisfa’ el campanaro quanno j primi de agosto va pe’ la cerca cu’l cavallo e la bighetta, casa per casa… E cume fa a nun ’ccuntentallo cu’ na sacchettela de gra’? Ce po’ pruva’!… (da Erimi fatti cuscì… embè? Modi de di’ e de’ ffa de j luretani de’ na vo’, di Augusto Castellani, 1983)

 

   Il mulino un tempo veniva costruito generalmente lungo un piccolo torrente, dove le acque spingevano le pale di una ruota, trasmettendo il movimento rotatorio alla macina, formata da due grandi pietre circolari combacianti orizzontalmente.

   Il grano, convogliato al centro della pietra superiore, veniva macinato e trasformato in farina, che opportunamente distribuita su dei sacchi, veniva in seguito caricata e trasportata con i birocci.

plastico policromato, cm 31 x 25 x 18.
plastico policromato, cm 31 x 25 x 18.

Il Fornaio

 

   Le pizze, qu’j giorni, cu’l furmaggio o senza, èrene tutte radunate giò ’l forno de Cuchì, in fila nte le lastre, pronte pe’ esse nmese a coce…

    Ade’ chi te magnerìa più ’na beccuta, ’na palumbella (’n ovo nmeso a coce drento al pa’) e el pa’ de granturco che pareva ciambello’… (da ’Ndamo a scanaffoja’. Mumenti de vita luretana, di Augusto Castellani, 1981)

     In campagna il forno era situato vicino alla casa; si trattava di un piccolo forno a legna sufficiente per i bisogni della famiglia. Una volta riscaldato e ripulito (con uno straccio bagnato) era pronto per ricevere il pane, che nel frattempo era stato messo a lievitare sotto una coperta.

   Il profumo di quelle pagnotte appena sfornate è ancora vivo nella memoria di chi ha avuto la fortuna di sentirlo.

plastico policromato, cm 40 x 32 x 31 .
plastico policromato, cm 40 x 32 x 31 .

La polenta

 

   … Quanta pulenta ‘emo magnato!

Dopo tanta fadiga, ce mettemi a tavula pe’ magnà,

sopra la spianatora nun ce truvavi mai ‘na surpresa, c’era sempre la pulenta…

po’ cu’ la fame che c’emj, facemi a gara chi ‘rivava prima al centro,

n’du’ c’era un pezzetto de salciccia… (prima nun se puteva tucca’!).

Te la gustavi ntela bocca… me pare de risentilla ‘ncora quant’era bona!  (Ricordi di amici dell’autore)

plastico policromato, cm 31 x 22 x 25.
plastico policromato, cm 31 x 22 x 25.

La Cantina

 

   Ade’ è ’nutile che famo tante schionne: el monno è gambiato! El monno va ’vanti! Nun se po’ miga ferma’… Ade’, vi’ più gne’, tutti ’stemi de vi’. (“Ma era tanta bona na guccetta de vi’…” ’Nfa’ gne’!). Ade’ chinotti, ’ranciate, ’peritivi, coca-cola, vischi, petrus…: tutte ’sse ciffeghe lì…

   Ade’, de cantine mancu la puzza; nun se vede ’n giro mancu ’na frasca: tutti bar. Ce semo ’ncivilizzati e a be’ el vi’ nt’j bar sarìa da ommini primitivi… (da ’Ndamo a scanaffoja’. Mumenti de vita luretana, di Augusto Castellani, 1981)